Service


01/07/2017 - I services dell'anno rotariano 2016/17

Condividi
 

Anche quest'anno le attività del RC Valsesia sono state molteplici ed importanti, con significativi risvolti sul territorio di competenza.

In primis va ricordato il service triennale in collaborazione con Inner Wheel Valsesia e Fondo Edo Tempia; nel 2014 è stato infatti allestito un camper, insieme allInner Wheel Valsesia e al Fondo Edo Tempia di Biella, per portare la prevenzione secondaria in oncologia nei Comuni della Valsesia, offrendo un servizio anche a chi ha difficoltà a spostarsi per vari motivi.

Al fine di pubblicizzare la attività di prevenzione del camper è stato predisposto un depliant che sarà distribuito nel mese di settembre 2016 nelle buste paga dei lavoratori delle principali aziende valsesiane.

Questa azione porterà quindi la informazione di prevenzione oncologica ad ogni famiglia interessata e contemporaneamente porterà il logo del Rotary in modo capillare sul territorio, offrendo visibilità al Club.

Sotto il profilo del recupero del patrimonio artistico e culturale il Club si è poi impegnato nel restauro del portone della Chiesa di Arlezze a Valduggia.

La chiesa di San Giovanni Battista è del XVI secolo. Il suo portone di ingresso è in noce ma gli anni e gli agenti atmosferici lo hanno eroso ed ingrigito; numerose sono anche le fenditure aperte nel manufatto. E’ stato indispensabile pensare al suo restauro che, con la autorizzazione della Soprintendenza per i Beni Artistici di Torino e con il contributo del nostro club, è iniziato nel maggio 2016. A fine lavori, tra qualche mese, è prevista una cerimonia di consegna alla Parrocchia di Valduggia, con posa di una targa di ringraziamento. 

Sempre in ambito artistico il club ha sostenuto il completo ed articolato restauro della tela denominata "Canto di Primavera", importante opera del pittore Pier Celestino Gilardi, conservata presso la Pinacoteca di Varallo. Essa rappresenta una delle opere più importanti nell'ambito della produzione recente, conservata nelle sale del museo valsesiano, che senza l'intervento sostenuto avrebbe rischiato ingenti danni dovuti dal distacco della superficie pittorica.