Service


24/10/2015 - Progetto di prevenzione oncologica del RC Valsesia

Condividi
 

Questo progetto  vede impegnato il Club Valsesia per almeno tre anni rotariani (dal 2014 al 2017). Alla sua realizzazione sono coinvolti tutti i club vicini al R.C. Valsesia, in particolare il Rotaract, l’Interact e l’Inner Wheel Valsesia, con la collaborazione dell’ASL di Vercelli ed i Comuni Valsesiani. Il Rotary Club e l’Inner Wheel partecipano al progetto oltre che con disponibilità operative anche con risorse economiche.

Il progetto è nato dall’idea del Presidente ing. Vittorio Baldini di impegnare il Club in una importante iniziativa da realizzare nel territorio valsesiano, finalizzata  alla creazione di un servizio a vantaggio della comunità. Anche i presidenti, attuale, dott Andrea Guala e incoming ing. Gianfranco Peretti hanno condiviso l’idea, e il tema da loro individuato è stato la prevenzione oncologica, che sarà realizzata facendo proprio il progetto che la Fondazione Tempia intendeva già proporre sul territorio valsesiano.

Il progetto è iniziato con la messa a punto di una unità mobile equipaggiata con gli apparecchi medico sanitari per le visite ambulatoriali fatte da medici altamente specializzati, unità mobile che raggiungerà tutti i comuni valsesiani, indipendentemente dalla loro dimensione.

La realizzazione si sviluppa in tre fasi che sono suddivise una per ogni anno dei tre anni di durata del progetto.

·         La prima fase ha riguardato il finanziamento per l’acquisto degli apparecchi medico sanitari che equipaggiano l’unità mobile

·         La fase successiva riguarda lo sviluppo del progetto che dovrà avere una capillare diffusione fra gli abitanti della Valsesia, per raggiungere una elevata utenza in ogni località, nei grossi centri urbani, ma anche nei piccoli comuni di montagna. Le prime visite di prevenzione oncologica per la dermatologia e l’ORL si sono svolte ad Alagna Valsesia il 15 e 16 ottobre 2015.

·         La terza fase dovrà garantire il riutilizzo delle apparecchiature dismesse durante l’allestimento della unità mobile riconvertita con strumentazione tecnologicamente più evoluta. In particolare viene dismesso il mammografo analogico attualmente perfettamente funzionante perché sostituito da mammografo digitale in grado di offrire prestazioni più raffinate di quelle offerte dal mammografo analogico. Questo ed altri strumenti in accordo con la Fondazione ed eventualmente con l’aiuto del Rotary Internazionale, già esperto in questo tipo di operazioni, saranno donati ad un ospedale di un paese in via di sviluppo, dove il suo impiego potrà essere di grande aiuto per quella popolazione.

La donazione, contemporaneamente alla individuazione dell’ospedale, richiede la individuazione di un Club Rotariano della area di destinazione della donazione che si impegni a seguire sul posto il corretto progredire dell’operazione. Il RC Valsesia inoltre si assumerà  l’incombenza di garantire la spedizione della apparecchiature, la installazione nell’ospedale destinatario,e l’addestramento, con la collaborazione della Fondazione Tempia, del personale che sarà preposto al suo utilizzo.